STATUTO

VERBALE DI ASSOCIAZIONE
REPUBBLICA ITALIANA
L'anno duemiladiciassette, il giorno quattordici del mese di dicembre alle ore diciannove e minuti venti.
- 14 dicembre 2017 -
in Roma, presso l'Hotel Villa Carpegna, alla Via Pio IV n. 6. Avanti a me Dottor Gianluca Abbate, Notaio in Rieti, iscritto al Collegio dei Distretti Notarili Riuniti di Viterbo e Rieti,

SONO PRESENTI:
- GUGLIELMINO (Cognome) ANTONINO (nome), nato a Palermo il 20 novembre 1958, (Codice Fiscale GGL NNN 58S20 G273C);
- MONTANO LUIGI, nato a Napoli il 2 febbraio 1967, (Codice Fiscale MNT LGU 67B02 F839K);
- VIGANO' PAOLA, nata a Mariano Comense (CO), il 19 luglio 1965 (Codice Fiscale VGN PLA 65L59 E951F), i quali dichiarano di intervenire al presente atto, non in proprio, ma nella qualità di Presidenti del Consiglio Direttivo dell'Associazione "S.I.R.U. - Società Italiana della Riproduzione Umana", con sede in Roma, alla Via Fulcieri Paulucci de Calboli n. 60, codice fiscale 97929550586, ove domiciliano per la carica, costituita con atto ricevuto da me Notaio in data 29 marzo 2017, Repertorio 1484/1192, registrato a Rieti in data 31 marzo 2017 al n. 981 Serie 1/T, legittimati a quanto infra in virtù dei poteri agli stessi conferiti dal vigente statuto che, congiuntamente al citato atto costitutivo, in copia conforme, si allega sotto la lettera "A". Dell 'identità personale, nonchè qualifica e poteri dei comparenti, io Notaio sono certo.
I medesimi mi dichiarano che è qui riunita, in seconda convocazione, l'assemblea degli associati della predetta Associazione, convocata per trattare il seguente Ordine del giorno:
- modifiche statutarie e precisamente:
-- inserimento dei requisiti di autonomia e indipendenza dei legali rappresentanti con riferimento al non esercizio di attività imprenditoriali e in ogni caso alla non partecipazione alle stesse, ad eccezione delle attività svolte nell'ambito del Programma nazionale di formazione continua in medicina (ECM);
-- sostituzione della parola "rendiconto" con la parola "bilancio" e previsione della pubblicazione sul sito internet dell'Associazione degli eventuali incarichi retribuiti;
-- inserimento della previsione che coloro i quali ricoprano cariche sociali non abbiano subito sentenze di condanna passate in giudicato in relazione all'attività dell'Associazione;
-- previsione delle specifiche competenze del Comitato Tecnico Scientifico, consistenti nella verifica e nel controllo della qualità delle attività svolte dall'Associazione e della relativa produzione tecnico-scientifica;
-- modifica del quorum deliberativo previsto per l'elezione delle cariche sociali;
-- modifica del quorum costitutivo e del quorum deliberativo previsti per le modifiche statutarie;
-- eliminazione del requisito della non appartenenza all'Associazione dei componenti del Collegio dei Probiviri;
-- inserimento della previsione dell'indipendenza dei componenti del Collegio dei Revisori dei Conti rispetto al Consiglio Direttivo dell'Associazione ed eliminazione della previsione di indipendenza rispetto agli associati;
-- inserimento della previsione del diritto di accesso da parte dei revisori a tutti gli atti ed ai documenti dell'Associazione e della previsione dell'obbligo di invitare i Revisori dei Conti a presenziare ai consigli direttivi e alle Assemblee;
e chiedono a me Notaio di ricevere in forma pubblica il verbale di detta assemblea.
Aderendo alla fattami richiesta, io Notaio do atto di quanto segue.
"Assumono la presidenza dell'Assemblea, su designazione unanime degli intervenuti ed ai sensi dell'articolo 10.3 dello Statuto, i costituiti Viganò Paola, Guglielmino Antonino e Montano Luigi, i quali constatano e fanno constatare che:
- l'assemblea è stata regolarmente convocata, nelle forme e nei termini previsti dall'articolo 10.1 dello Statuto, in questo luogo, in prima convocazione, per il giorno 13 dicembre 2017 alle ore venti e minuti trenta e, in seconda convocazione, per il giorno 14 dicembre 2017 alle ore diciannove; - in prima convocazione l'assemblea è andata deserta; - in seconda convocazione sono presenti in proprio e per delega (ed i relativi documenti legittimativi sono conservati agli atti dell'associazione ) gli associati rappresentanti più della metà degli aventi diritto, così come risulta dal foglio delle presenze che si allega al presente atto sotto la lettera "B"; - pertanto, ai sensi dell'articolo 10.1 dello Statuto, l'Associazione è regolarmente costituita ed atta a deliberare. Passando alla trattazione di quanto all'Ordine del giorno, i Presidenti espongono che l'Associazione ha assunto un notevole sviluppo e, pertanto, vi è la necessità di modificare lo statuto al fine di garantire una maggiore funzionalità dell'attività associativa e di adeguarlo alle prescrizioni del Decreto del Ministero della Salute del 2 agosto 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 186 del 10 agosto 2017. A tal fine i Presidenti propongono di modificare:

A) - l'articolo 3 del vigente statuto, inserendo la previsione del requisito di autonomia e indipendenza dei legali rappresentanti con riferimento al non esercizio di attività imprenditoriali e in ogni caso alla non partecipazione alle stesse, ad eccezione delle attività svolte nell'ambito del Programma nazionale di formazione continua in medicina (ECM). Pertanto si propone di modificare l'articolo 3 come segue:
"L’Associazione ed i suoi legali rappresentanti non perseguiranno, in nessuna forma finalità sindacali, né eserciteranno attività imprenditoriali, o avranno partecipazione ad attività imprenditoriali, ad eccezione delle attività svolte nell'ambito del Programma nazionale di formazione continua in medicina (ECM)";

B) - gli articoli 9 e 10.1 dello Statuto, sostituendo la parola "rendiconto" con la parola “bilancio” e prevedendo la pubblicazione sul sito internet dell'Associazione degli eventuali incarichi retribuiti.
Pertanto si propone di modificare l'articolo 9 dello statuto come segue:
"L'esercizio sociale e finanziario coincide con l’anno solare che va dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Per ogni esercizio, sulla base delle scritture contabili sistematiche che evidenziano in ordine cronologico le operazioni poste in essere nel periodo di gestione, l'Associazione ha l'obbligo di redigere bilanci preventivi e consuntivi, che dovranno essere sottoposti all'approvazione dell'Assemblea degli Associati entro quattro mesi dalla chiusura dell'esercizio sociale. Copia dei bilanci dovrà essere messa a disposizione di tutti gli associati, insieme alla convocazione dell’Assemblea che porta all’ordine del giorno l’approvazione, almeno venti giorni prima della data in cui l’Assemblea è convocata. L’obbligo della messa a disposizione della bozza di bilancio così come di altri documenti sociali può essere assolto anche con la pubblicazione sul sito internet dell’Associazione su area riservata o mediante trasmissione per email o altro mezzo informatico idoneo. Gli avanzi di gestione saranno destinati ad incrementare il fondo patrimoniale per il raggiungimento degli scopi statutari e non potranno in nessun caso essere distribuiti agli associati. Il bilancio, sia preventivo che consuntivo, dopo l’approvazione, sarà pubblicato sul sito internet dell’Associazione in area accessibile al pubblico per tre anni. Allo stesso modo sono soggetti a pubblicazione sul sito internet dell’Associazione anche gli atti che conferiscano eventuali incarichi retribuiti";

C) - l'articolo 10 dello statuto, inserendo la previsione che coloro i quali ricoprono cariche sociali non abbiano subito sentenze di condanna passate in giudicato in relazione all'attività dell'associazione. Pertanto si propone di modificare l'articolo 10 come segue: "Sono organi dell’Associazione: l’Assemblea degli Associati, il Presidente, la Presidenza, il Consiglio Direttivo, i Comitati Regionali e il Comitato Tecnico Scientifico.
Tutte le cariche sociali sono gratuite salvo, quando previsto, il rimborso dei costi sostenuti per attività sociali e/o richiesti da incarichi sociali. Tutti gli organi durano in carica due anni e sono rieleggibili solo per un secondo mandato.
Fa eccezione la Presidenza che dura in carica sei anni e ciascun Presidente non può svolgere più di un mandato. Chi ricopre cariche sociali non potrà ricoprire cariche in Associazioni, Fondazioni o altri Enti che svolgano attività nello stesso ambito di quello individuato dal presente Statuto. Fanno eccezione i componenti del Comitato Tecnico Scientifico fra i quali possono essere eletti anche soggetti che ricoprono cariche in altre Associazioni o Enti. Sarà osservata e valorizzata la presenza di genere. La condanna passata in giudicato per reati, in ogni modo riguardanti l’attività dell’Associazione comporta l’immediata decadenza da qualsiasi carica sociale"
.

D) - l'articolo 10.7, prevedendo le specifiche competenze del Comitato Tecnico - Scientifico, consistenti nella verifica e nel controllo della qualità delle attività svolte dall'Associazione e della relativa produzione tecnico-scientifica e prevedendo tra i componenti di diritto del Comitato stesso i coordinatori dei gruppi di interesse speciale; Pertanto si propone di modificare l'articolo 10.7 come segue:
"L'Associazione si avvale, per gli scopi statutari, della collaborazione di un Comitato Tecnico Scientifico per la verifica e controllo della qualità delle attività svolte e della produzione tecnico-scientifica, da effettuare secondo gli indici di produttività scientifica e bibliometrici validati dalla comunità scientifica internazionale. Sono componenti di diritto del Comitato, i membri del Consiglio Direttivo e della Presidenza, i coordinatori dei Gruppi di interesse speciale. Al Comitato Tecnico Scientifico partecipano e ne sono componenti tutti i soggetti, individuali e collettivi, che possono fornire un contributo sotto il profilo scientifico, culturale e sociale e quindi anche rappresentanti designati da altre Società Scientifiche, Associazioni, Fondazioni, Università, Istituzioni Sanitarie pubbliche e private, convenzionate o che abbiano stipulato protocolli di collaborazione. Il Comitato Tecnico Scientifico ha altresì funzioni e compiti inerenti la formazione e l’aggiornamento di Linee Guida, la programmazione della Formazione Professionale e dell’ECM, la programmazione di progetti di ricerca e di studio delle realtà territoriali, finalizzate anche al monitoraggio e alla omogeneizzazione delle prestazioni offerte nell’ottica dell’umanizzazione e della corretta integrazione dei vari operatori professionali e delle strutture e istituzioni sanitarie. Per lo svolgimento della propria attività il Comitato Tecnico Scientifico potrà collaborare, promuovere e stimolare progetti, con Università, Istituzioni Sanitarie Pubbliche o Private, Fondazioni, Centri Studi, Gruppi di ricerca etc. a livello regionale, nazionale ed internazionale. Potrà inoltre promuovere e incentivare fra gli associati la realizzazione di gruppi di studio e aree tematiche. In occasione della discussione sulle Linee guida, da sottoporre all’Assemblea, fanno parte del Comitato Tecnico Scientifico anche i Coordinatori dei Comitati Regionali. Le modalità di funzionamento del Comitato Tecnico Scientifico, elezione e durata dei componenti e funzioni saranno specificate in apposito regolamento".


E) - l'articolo 10, modificando il quorum deliberativo previsto per l’elezione delle cariche sociali; Pertanto si propone di modificare l'articolo 10 come segue:

"... Le elezioni alle cariche sociali saranno valide a maggioranza dei partecipanti con diritto di voto nella Assemblea";

F) - l'articolo 10.1, modificando il quorum costitutivo e il quorum deliberativo previsti per le modifiche statutarie. Pertanto si propone di modificare l'articolo 10.1 come segue:

"L'Assemblea straordinaria delibera per le variazioni allo Statuto con la presenza della maggioranza degli aventi diritto e le modifiche si intendono approvate con il voto favorevole della maggioranza dei votanti."

G) - l'articolo 10.8, eliminando il requisito della non appartenenza all'Associazione dei componenti del Collegio dei Probiviri. Pertanto si propone di modificare l'articolo 10.8 come segue:

"L'Associazione costituirà un Collegio di Probiviri composto da tre persone nominate dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo. La stessa Assemblea designerà il Presidente di tale organo. Il Comitato dei Probiviri dirime ogni vertenza che dovesse sorgere fra gli associati e gli organi direttivi dell’Associazione e gli associati stessi, nonché fra l'Associazione nazionale ed i Comitati regionali. La sua funzione è di amichevole compositore ed il suo giudizio inappellabile. La carica è gratuita. Il verdetto del Collegio dei probiviri dovrà essere riportato in apposito registro e notificato agli interessati con lettera raccomandata. I membri del Collegio dei Probiviri durano in carica due anni e sono rieleggibili".

H) - l'articolo 10.9 inserendo la previsione dell'indipendenza dei componenti del Collegio dei Revisori dei Conti rispetto al Consiglio Direttivo dell'associazione ed eliminando la previsione dell'indipendenza dei medesimi componenti del Collegio dei Revisori dei Conti rispetto agli associati. Pertanto si propone di modificare l'articolo 10.9 come segue:

"L'Assemblea, su proposta del Consiglio Direttivo, potrà nominare un Collegio dei Revisori dei Conti composto da un Presidente e due sindaci effettivi. I Componenti dovranno essere scelti tra i non associati. Il Collegio dura in carica due anni si compone di tre membri, rieleggibili che garantiscono l’assoluta indipendenza e non devono essere in conflitto di interessi o avere interessi in comune o essere in qualsiasi modo legati professionalmente, economicamente o contrattualmente, con il Consiglio Direttivo"

I) - l'articolo 10.9 inserendo la previsione del diritto di accesso da parte dei revisori a tutti gli atti ed ai documenti dell'associazione e della previsione dell'obbligo di invitare i Revisori dei Conti a presenziare ai consigli direttivi e alle Assemblee. Pertanto si propone di modificare l'articolo 10.9 come segue:

"I Revisori dei conti, se nominati, dovranno essere sempre invitati sia nei Consigli direttivi che nelle Assemblee e verificano il rispetto dell’attività gestionale sia nei confronti delle norme di statuto che di Legge. Essi verificano, altresì, la rispondenza dei rendiconti economici – finanziari alle scritture contabili sistematiche e ne riferiscono all’Assemblea degli associati, con propria relazione. Ove riscontrino irregolarità contabili devono riferirne con urgenza all’Assemblea degli associati. L’Assemblea, su proposta del Consiglio Direttivo, potrà nominare un Collegio dei Revisori dei Conti composto da un Presidente e due sindaci effettivi. Il Collegio dura in carica due anni si compone di tre membri, rieleggibili che garantiscono l’assoluta indipendenza. I Revisori dei conti verificano il rispetto dell’attività gestionale sia nei confronti delle norme di statuto che di Legge. Essi verificano, altresì, la rispondenza dei rendiconti economici - finanziati associativi alle scritture contabili sistematiche e ne riferiscono all’Assemblea degli associati, con propria relazione.

I revisori dei conti hanno diritto di accedere a tutti gli atti ed ai documenti dell’associazione. Ove riscontrino irregolarità contabili devono riferirne con urgenza all’Assemblea degli associati".
Dopo ampia ed esauriente discussione, i Presidenti invitano l'Assemblea a deliberare su quanto all'Ordine del giorno.


-- Con riguardo a quanto indicato alla precedente lettera "A", l'assemblea, mediante alzata di mano,

- favorevoli: tutti i votanti

- contrari: nessuno

- astenuti: nessuno
DELIBERA:
di modificare l'articolo 3 come segue:

"L’Associazione ed i suoi legali rappresentanti non perseguiranno, in nessuna forma finalità sindacali, né eserciteranno attività imprenditoriali, o avranno partecipazione ad attività imprenditoriali, ad eccezione delle attività svolte nell'ambito del Programma nazionale di formazione continua in medicina (ECM)"

-- Con riguardo a quanto indicato alla precedente lettera "B", l'assemblea, mediante alzata di mano,

- favorevoli: tutti i votanti

- contrari: nessuno

- astenuti: nessuno
DELIBERA:
di modificare l'articolo 9 e 10.1 come segue:

"L’esercizio sociale e finanziario coincide con l’anno solare che va dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Per ogni esercizio, sulla base delle scritture contabili sistematiche che evidenziano in ordine cronologico le operazioni poste in essere nel periodo di gestione, l’Associazione ha l’obbligo di redigere bilanci preventivi e consuntivi, che dovranno essere sottoposti all’approvazione dell’Assemblea degli Associati entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale. Copia dei bilanci dovrà essere messa a disposizione di tutti gli associati, insieme alla convocazione dell’Assemblea che porta all’ordine del giorno l’approvazione, almeno venti giorni prima della data in cui l’Assemblea è convocata. L’obbligo della messa a disposizione della bozza di bilancio così come di altri documenti sociali può essere assolto anche con la pubblicazione sul sito internet dell’Associazione su area riservata o mediante trasmissione per email o altro mezzo informatico idoneo. Gli avanzi di gestione saranno destinati ad incrementare il fondo patrimoniale per il raggiungimento degli scopi statutari e non potranno in nessun caso essere distribuiti agli associati. Il bilancio, sia preventivo che consuntivo, dopo l’approvazione, sarà pubblicato sul sito internet dell’Associazione in area accessibile al pubblico per tre anni. Allo stesso modo sono soggetti a pubblicazione sul sito internet dell’Associazione anche gli atti che conferiscano eventuali incarichi retribuiti";

"L’Assemblea è costituita da tutti gli associati e viene convocata almeno una volta l’anno, entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale per l’approvazione del bilancio. All’Assemblea potranno partecipare tutti gli associati in regola con la quota associativa. L’Assemblea generale, sia ordinaria che straordinaria, è convocata dal Presidente. La convocazione, dovrà contenere l’indicazione del luogo, giorno ed ora della riunione nonché degli argomenti posti all’ordine del giorno. La convocazione dovrà essere comunicata mediante lettera raccomandata o posta elettronica almeno venti giorni prima della seduta, riducibili a dieci in caso di estrema urgenza e deve essere pubblicata sul sito internet dell’Associazione nell’area riservata agli associati fino all’espletamento dell’Assemblea. Essa, oltre a deliberare sul bilancio preventivo e consuntivo, svolge compiti di indirizzo generale dell’attività dell’Associazione. In particolare: - esprime pareri sull’attività svolta nell’anno precedente e sui programmi per il futuro; - propone iniziative da intraprendere e suggerisce le modalità di realizzazione.
L'Assemblea degli associati delibera altresì:

1) l’elezione del Consiglio Direttivo, del Presidente e della Presidenza;

2) la nomina del Collegio dei revisori dei conti;

3) la nomina del Collegio dei probiviri;

4) sulle questioni sottoposte dal Consiglio Direttivo;

5) sulla nomina dei membri del Comitato Tecnico Scientifico;

6) sull’approvazione delle Linee guida;

7) sull’approvazione dei regolamenti sociali.

L’Assemblea è presieduta dal Presidente in carica.Gli associati potranno farsi rappresentare in Assemblea solo da un altro associato, che non potrà avere più di cinque deleghe.Il voto potrà essere espresso anche con sistemi informatici o telematici. L’Assemblea, in sede ordinaria, delibera, in prima convocazione, a maggioranza dei voti espressi, purché voti la maggioranza degli aventi diritto; in seconda convocazione a maggioranza dei voti espressi, qualsiasi sia il numero dei votanti. Alle deliberazioni riguardanti l’approvazione del bilancio o a quelle riguardanti la responsabilità degli amministratori non possono votare i membri del Consiglio Direttivo"
.

-- Con riguardo a quanto indicato alla precedente lettera "C", l'assemblea, mediante alzata di mano,

- favorevoli: tutti i votanti

- contrari: nessuno

- astenuti: nessuno
DELIBERA:
di modificare l'articolo 10 come segue:

"Sono organi dell’Associazione: l’Assemblea degli Associati, il Presidente, la Presidenza, il Consiglio Direttivo, i Comitati Regionali e il Comitato Tecnico Scientifico. Tutte le cariche sociali sono gratuite salvo, quando previsto, il rimborso dei costi sostenuti per attività sociali e/o richiesti da incarichi sociali. Tutti gli organi durano in carica due anni e sono rieleggibili solo per un secondo mandato. Fa eccezione la Presidenza che dura in carica sei anni e ciascun Presidente non può svolgere più di un mandato. Chi ricopre cariche sociali non potrà ricoprire cariche in Associazioni, Fondazioni o altri Enti che svolgano attività nello stesso ambito di quello individuato dal presente Statuto. Fanno eccezione i componenti del Comitato Tecnico Scientifico fra i quali possono essere eletti anche soggetti che ricoprono cariche in altre Associazioni o Enti. Sarà osservata e valorizzata la presenza di genere. La condanna passata in giudicato per reati, in ogni modo riguardanti l’attività dell’Associazione comporta l’immediata decadenza da qualsiasi carica sociale".

-- Con riguardo a quanto indicato alla precedente lettera "D", l'assemblea, mediante alzata di mano,

- favorevoli: tutti i votanti

- contrari: nessuno

- astenuti: nessuno
DELIBERA:
di modificare l'articolo 10.7 come segue:

"L’Associazione si avvale, per gli scopi statutari, della collaborazione di un Comitato Tecnico Scientifico per la verifica e controllo della qualità delle attività svolte e della produzione tecnico-scientifica, da effettuare secondo gli indici di produttività scientifica e bibliometrici validati dalla comunità scientifica internazionale. Sono componenti di diritto del Comitato, i membri del Consiglio Direttivo e della Presidenza, i coordinatori dei Gruppi di interesse speciale. Al Comitato Tecnico Scientifico partecipano e ne sono componenti tutti i soggetti, individuali e collettivi, che possono fornire un contributo sotto il profilo scientifico, culturale e sociale e quindi anche rappresentanti designati da altre Società Scientifiche, Associazioni, Fondazioni, Università, Istituzioni Sanitarie pubbliche e private, convenzionate o che abbiano stipulato protocolli di collaborazione. Il Comitato Tecnico Scientifico ha altresì funzioni e compiti inerenti la formazione e l’aggiornamento di Linee Guida, la programmazione della Formazione Professionale e dell’ECM, la programmazione di progetti di ricerca e di studio delle realtà territoriali, finalizzate anche al monitoraggio e alla omogeneizzazione delle prestazioni offerte nell’ottica dell’umanizzazione e della corretta integrazione dei vari operatori professionali e delle strutture e istituzioni sanitarie. Per lo svolgimento della propria attività il Comitato Tecnico Scientifico potrà collaborare, promuovere e stimolare progetti, con Università, Istituzioni Sanitarie Pubbliche o Private, Fondazioni, Centri Studi, Gruppi di ricerca etc. a livello regionale, nazionale ed internazionale. Potrà inoltre promuovere e incentivare fra gli associati la realizzazione di gruppi di studio e aree tematiche.In occasione della discussione sulle Linee guida, da sottoporre all’Assemblea, fanno parte del Comitato Tecnico Scientifico anche i Coordinatori dei Comitati Regionali. Le modalità di funzionamento del Comitato Tecnico Scientifico, elezione e durata dei componenti e funzioni saranno specificate in apposito regolamento".

-- Con riguardo a quanto indicato alla precedente lettera "E", l'assemblea, mediante alzata di mano,

- favorevoli: tutti i votanti - contrari: nessuno - astenuti: nessuno
DELIBERA:
di modificare l'articolo 10 come segue:

"... Le elezioni alle cariche sociali saranno valide a maggioranza dei partecipanti con diritto di voto nella Assemblea"

-- Con riguardo a quanto indicato alla precedente lettera "F", l'assemblea, mediante alzata di mano,

- favorevoli: tutti i votanti

- contrari: nessuno

- astenuti: nessuno
DELIBERA:
di modificare l'articolo 10.1 come segue:

"L'Assemblea straordinaria delibera per le variazioni allo Statuto con la presenza della maggioranza degli aventi diritto e le modifiche si intendono approvate con il voto favorevole della maggioranza dei votanti."

-- Con riguardo a quanto indicato alla precedente lettera "G", l'assemblea, mediante alzata di mano,

- favorevoli: tutti i votanti ad eccezione di Walter Vinti e Alessio Paffoni

- contrari: nessuno

- astenuti: Walter Vinti e Alessio Paffoni
DELIBERA:
di modificare l'articolo 10.8 come segue:

"L’Associazione costituirà un Collegio di Probiviri composto da tre persone nominate dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo. La stessa Assemblea designerà il Presidente di tale organo. Il Comitato dei Probiviri dirime ogni vertenza che dovesse sorgere fra gli associati e gli organi direttivi dell’Associazione e gli associati stessi, nonché fra l’Associazione nazionale ed i Comitati regionali. La sua funzione è di amichevole compositore ed il suo giudizio inappellabile. La carica è gratuita. Il verdetto del Collegio dei probiviri dovrà essere riportato in apposito registro e notificato agli interessati con lettera raccomandata. I membri del Collegio dei Probiviri durano in carica due anni e sono rieleggibili". -- Con riguardo a quanto indicato alla precedente lettera "H", l'assemblea, mediante alzata di mano, - favorevoli: tutti i votanti ad accezione di Walter Vinti; - contrari: Walter Vinti - astenuti: nessuno
DELIBERA:
di modificare l'articolo 10.9 come segue:

"L'Assemblea, su proposta del Consiglio Direttivo, potrà nominare un Collegio dei Revisori dei Conti composto da un Presidente e due sindaci effettivi. I Componenti dovranno essere scelti tra i non associati. Il Collegio dura in carica due anni si compone di tre membri, rieleggibili che garantiscono l’assoluta indipendenza e non devono essere in conflitto di interessi o avere interessi in comune o essere in qualsiasi modo legati professionalmente, economicamente o contrattualmente, con il Consiglio Direttivo"

-- Con riguardo a quanto indicato alla precedente lettera "I", l'assemblea, mediante alzata di mano,

- favorevoli: tutti i votanti

- contrari: nessuno

- astenuti: nessuno
DELIBERA:
di modificare l'articolo 10.9 come segue:

"I Revisori dei conti, se nominati, dovranno essere sempre invitati sia nei Consigli direttivi che nelle Assemblee e verificano il rispetto dell’attività gestionale sia nei confronti delle norme di statuto che di Legge. Essi verificano, altresì, la rispondenza dei rendiconti economici – finanziari alle scritture contabili sistematiche e ne riferiscono all’Assemblea degli associati, con propria relazione. Ove riscontrino irregolarità contabili devono riferirne con urgenza all’Assemblea degli associati. L’Assemblea, su proposta del Consiglio Direttivo, potrà nominare un Collegio dei Revisori dei Conti composto da un Presidente e due sindaci effettivi. Il Collegio dura in carica due anni si compone di tre membri, rieleggibili che garantiscono l’assoluta indipendenza. I Revisori dei conti verificano il rispetto dell’attività gestionale sia nei confronti delle norme di statuto che di Legge. Essi verificano, altresì, la rispondenza dei rendiconti economici – finanziati associativi alle scritture contabili sistematiche e ne riferiscono all'Assemblea degli associati, con propria relazione. I revisori dei conti hanno diritto di accedere a tutti gli atti ed ai documenti dell'associazione. Ove riscontrino irregolarità contabili devono riferirne con urgenza all’Assemblea degli associati"
.

L'assemblea, infine, mediante alzata di mano,

- favorevoli: tutti i votanti

- contrari: nessuno

- astenuti: nessuno

DELIBERA:


-- di approvare il nuovo testo dello Statuto nella formulazione aggiornata che si allega al presente atto sotto la lettera "C".

Null'altro essendovi da deliberare e non avendo chiesto la parola nessuno degli intervenuti, i Presidenti dichiarano sciolta l'assemblea alle ore ventuno e minuti ventinove. Ai sensi della vigente normativa in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, vigente dopo l'entrata in vigore della Legge 6 agosto 2008 n. 133), e della normativa antiriciclaggio di cui al Decreto Legislativo 21 novembre 2007, n. 231, i comparenti, da me Notaio informati circa le finalità e le modalità del trattamento cui sono destinati i dati, nonchè dei soggetti pubblici e privati ai quali i dati stessi possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza, ed in relazione all'obbligo di rilasciare copia degli atti a chiunque ne faccia richiesta, dichiarano di consentire ed autorizzare l'intero trattamento dei dati personali per tutti i fini previsti e disciplinati dalla citata normativa. Richiesto io Notaio ho ricevuto il presente verbale, del quale, unitamente a quanto allegato, ho dato lettura ai comparenti, i quali, a mia domanda, lo approvano riconoscendolo conforme alla propria volontà e lo sottoscrivono con me Notaio alle ore ventuno e minuti trentotto.
Consta il verbale, scritto in parte con mezzi elettronici da me Notaio e completato di mio pugno, di sette fogli dei quali occupa le prime intere venticinque pagine e parte della ventiseiesima fin qui.


Log-In

Effettuare il log-in per conoscere tutte le novità

Possiedi un email @siru.it ? Accedi alla posta

@

Registrati ora

Registrati e crea un nuovo account su www.pmaumanizzata.com, potrai essere sempre aggiornato sulle novità del settore .

non sei ancora registrato?

Registrati quì