06/07/2018

Articolo del giornale La Repubblica - Gli spermatozoi ci diranno quanto siamo inquinati

Al congresso europeo Eshre uno studio italiano indica nel seme maschile un biomarcatore che funziona. Prima e meglio dell'esame sul sangue. Di ELVIRA NASELLI, tutto l'articolo al seguente link: http://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2018/07/04/news/gli_spermatozoi_ci_diranno_quanto_siamo_inquinati-200842347/
foto

BARCELLONA - L'idea è utilizzare gli spermatozoi - anziché l'analisi del sangue - per misurare l'impatto dell'inquinamento sulla salute dell'uomo. Attraverso una chiave di lettura più precoce, predittiva e accurata rispetto al sangue. E i dati riportati da uno studio italiano al congresso Eshre (la società europea di riproduzione umana ed embriologia) sono allarmanti e inequivocabili: tra gli spermatozoi di chi vive nella Terra dei Fuochi e quelli di chi abita in zone non inquinate c'è un abisso.
 
Che l'inquinamento possa danneggiare la fertilità maschile non è una novità, e tanti studi lo confermano. Mentre il progetto Ecofoodfertility continua a lavorare per indagare e misurare l'impatto degli inquinanti ambientali sulla salute degli spermatozoi. "Nel lavoro presentato qui ad Eshre - precisa Luigi Montano, Urologo e andrologo alla Asl di Salerno e coordinatore del progetto - abbiamo confrontato 222 maschi, omogenei per età, stile di vita (non fumatori), indice di massa corporea, provenienti da due zone della Campania: la terra dei fuochi, ad alto impatto ambientale, e la zona del Sele, nel Salernitano, poco inquinata. Notando nel seme, e non nel sangue, differenze significative in termini di bioaccumulo di metalli pesanti, in particolare cromo, insieme a danni per lo stress ossidativo, riduzione degli enzimi antiossidanti, allungamento dei telomeri spermatici e danni al Dna degli spermatozoi. Questi dati, con altri in via di pubblicazione, indicano che nel seme prima che nel sangue si può avere una misura di quanto pesi l'inquinamento sulla salute umana. E come si possa utilizzare quindi lo studio del seme come biomarcatore per il monitoraggio ambientale di chi vive in zone ad alto impatto ambientale".

L'articolo originale si trova al seguente indirizzo:

http://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2018/07/04/news/gli_spermatozoi_ci_diranno_quanto_siamo_inquinati-200842347/

 

 

Condivisione sui social network

           
 

Eventi S.I.R.U.

11/10/2018

Congresso

CONSENSUS MEETING ON THIRD PARTY REPRODUCTION

VIA CAMERONI SNC LAMPEDUSA
13:00:00
12/10/2018

Congresso

CONSENSUS MEETING ON THIRD PARTY REPRODUCTION

VIA CAMERONI SNC LAMPEDUSA
09:00:00
13/10/2018

Congresso

CONSENSUS MEETING ON THIRD PARTY REPRODUCTION

VIA CAMERONI SNC LAMPEDUSA
09:00:00